01 giu 2015

RECENSIONE: - LA VITA CHE HO SOGNATO - CAMOCARDI MARIANGELA

AUTORE: Mariangela CamocardiCASA EDITRICE: MondolibriDATA PUBBLICAZIONE: 2011
La bella e affermata web designer Alina Mastricardi sta per sposarsi con Nick Airoldi, avvocato di successo innamoratissimo di lei. Eppure Fania, la madre di Alina, si oppone con tutte le sue forze a quel matrimonio, accampando scuse pretestuose. Finché, davanti alle insistenze della figlia, è costretta a rivelarle un segreto scabroso: prima che Alina nascesse, lei aveva avuto una relazione con il padre di Nick, e ha sempre temuto che Alina fosse figlia di quest´ultimo, senza mai avere il coraggio di appurare la verità. Dunque, Alina e Nick potrebbero essere fratelli... Sconvolta, Alina tronca con Nick, dicendogli che l´ha tradito e che non vuole più vederlo. E a questo punto un altro personaggio si inserisce nella burrascosa vicenda: Mirco, il migliore amico di Nick, da sempre innamorato di Alina, dipendente dal vizio del gioco e indebitato fino al collo... Intrighi di famiglia e colpi di scena si susseguono tra le case di Milano e le ville del lago Maggiore. Fino all´epilogo, inaspettato e molto romantico.
Ho sempre amato e apprezzato i romanzi storici di Mariangela Camocardi per cui non potevo lasciarmi sfuggire il suo primo romanzo ad ambientazione contemporanea.
Un romanzo scorrevole (nonostante i passaggi tra presente e passato) ed una trama intrigante con la giusta dose di colpi di scena e personaggi davvero interessanti e credibili (devo però ammettere che Alina non m'ispira grande simpatia e a volte non riuscivo a comprendere certi suoi atteggiamenti. Per esempio, quando viene a sapere un certo segreto (da una persona per cui non nutre grande stima) che le impedirebbe di convolare a nozze rinuncia subito senza combattere e bisogna aspettare che l'idea venga al fidanzato per risolvere la questione. Troppo inflessibile, sembra essere convinta che siano sempre gli altri ad essere nel torto ed ecco spiegata la mia antipatia).
Alla storia d'amore tra Alina e Nick s'intrecciano altre storie, sentimentali e non, che rendono il romanzo ancora più coinvolgente.
Una curata ambientazione italiana (Tra Milano e Lago Maggiore) per un romanzo intenso, pieno di avvenimenti, un po' di mistero e ben scritto. Lo stile della Camocardi è inconfondibile anche per l'uso di termini ormai quasi dimenticati (forse per un romance contemporaneo lascia un po' interdetti ma è anche vero che condivido l'intento dell'autrice di difendere la nostra bella lingua italiana) e la ricercatezza nello scegliere i nomi dei vari protagonisti.   
Un romanzo che consiglio a chi cerca un romance dolce e coinvolgente.
GRAZIE MARIANGELA.
 

Nessun commento:

Posta un commento