16 lug 2016

RECENSIONE: - ASIATICI RICCHI DA PAZZI - KEVIN KWAN


ASIATICI RICCHI DA PAZZI
Kevin Kwan
2016

Quando la newyorkese Rachel Chu accetta di conoscere la famiglia del fidanzato Nicholas Young, con la scusa di accompagnarlo a un matrimonio a Singapore, certo non si immagina che Nick è lo scapolo d'oro del mondo asiatico. Che la sua casa di famiglia sembra un castello uscito dalle favole e che probabilmente nel corso della sua vita lui ha preso più jet privati che taxi. Non ha idea che sta per partecipare al matrimonio dell'anno, a un evento senza precedenti, con il Cirque du Soleil e i Piccoli cantori di Vienna ad aprire le danze, abiti disegnati ad hoc da Valentino e una silenziosa gara a chi è il più ricco fatta a suon di regali di nozze che nessuno in Occidente potrebbe mai permettersi. E sicuramente non può arrivare a pensare che la madre del fidanzato le ha messo un detective privato alle calcagna perché sicuramente lei non è all'altezza del figlio, l'uomo più ricco di tutta l'Asia. Un po' Dallas, un po' Orgoglio e pregiudizio, Asiatici ricchi da pazzi è una commedia sfavillante, un viaggio nel jet set dei veri ricchi. Un racconto esilarante su cosa significhi essere asiatici, giovani, innamorati e pieni di soldi ben oltre l'immaginabile. 
 
Asiatici ricchi da pazzi è un romanzo autoconclusivo che attraverso la storia d'amore tra Rachel e Nick offre, con uno stile leggero ed esilarante, uno spaccato del mondo dei super ricchi asiatici con i loro vizi e i loro pregiudizi.
La storia viene raccontata attraverso vari punti di vista (ogni capitolo ha il nome di un personaggio) ma se da una parte può intrigare conoscere anche le vicende dei personaggi secondari, in realtà alla fine ti accorgi che di alcuni se ne può fare a meno.
Tutto inizia quando Nick chiede alla sua fidanzata Rachel, una professoressa di origine cinese, di accompagnarlo al matrimonio del suo migliore amico a Singapore e di conoscere, così, anche la sua famiglia e i posti in cui è cresciuto. I problemi iniziano quando Rachel si accorge che Nick è l'erede di un'immensa fortuna e la sua famiglia non vede di buon occhio questo loro matrimonio.
L'idea alla base del libro era davvero accattivante ma speravo che la storia d'amore fosse l'aspetto dominante, invece, passa un po' troppo in secondo piano. Infatti, l'autore si è concentrato soprattutto sulla dimostrazione di lusso (marchi, vestiti, case, arredamento etc. etc.), i vizi e i pregiudizi degli asiatici con patrimoni da capogiro.
Tutto viene portato all'eccesso con il chiaro intento di scrivere un romanzo divertente: la caratterizzazione dei personaggi, le situazioni e i comportamenti. Non nascondo che è stato un romanzo simpatico e senza dubbio insolito sotto certi punti di vista ma a volte risulta un po' pesante. E mi riferisco ai numerosi termini legati alla cultura asiatica (interessanti ma forse un po' troppi).
Non manca qualche colpo di scena ma nonostante le oltre 400 pagine, il finale, a mio avviso, è stato un po' affrettato.
Una lettura carina ma che con i giusti accorgimenti poteva diventare un romanzo con i fiocchi. Sono molto curiosa di dare un'occhiata al film quando uscirà.

09 lug 2016

SIMONA FERRUGGIA

Allons-y! Parlare di sé è sempre un problema, onestamente odio farlo, preferisco scrivere di altro, quindi cercherò di essere breve ma chiara. Mi chiamo Simona e sono nata a Palermo nel 1989: poche note biografiche, non sono molto interessanti. Da anni, dopo alcune scelte sbagliate come l'iscrizione e il successivo abbandono della facoltà di psicologia, l'amore per i libri e la scrittura hanno preso il sopravvento trasformando la mia vita in un continuo leggere e scrivere. Ho frequentato, quindi, un corso di "Sceneggiatura e Scrittura Creativa" della durata di 900 ore con professionisti del campo letterario siciliano e nazionale, formandomi e trasformando questa mia passione in una "quasi- professione". Dico "quasi" perché in questo campo non si è mai arrivati, si è sempre al punto di partenza, si è sempre pronti a ripartire. Grazie a questo corso ho messo a segno uno dei traguardi più importanti per la mia carriera, la stesura della sceneggiatura per un lungometraggio: "Chrisanthemon", che ha vinto il terzo premio al Concorso Letterario Nazionale Cinquantesimo Marcelli.
Per due anni ho lavorato alla stesura del mio primo romanzo, tratto da una storia vera che mi gironzolava per la testa da sempre e che, finalmente, ha trovato il modo per esprimersi e mostrarsi: "Il cuore segreto" pubblicato dalla casa editrice "Watson Edizioni di Roma".
Fortunatamente sta riscontrando un ottimo successo infatti ha guadagnato la Menzione Speciale al Concorso Nazionale "Casa Sanremo Writers 2016" e il premio "Bagaglio Cultura 2016".
Ho da poco terminato la stesura del mio secondo romanzo "Gli amici di Papà", contemporaneamente, inoltre, lavoro da anni come articolista per la rivista mensile "I Love Sicilia", dedicata alla cultura, società, lifestyle ed approfondimenti di cronaca della meravigliosa Trinacria. Ultimamente ho frequentato anche un corso della meravigliosa Scuola Holden qui a Palermo, con Evelina Santangelo, scrittrice ed editor della casa editrice Einaudi.
Nel frattempo sto lavorando ad altri due libri ed ho "buttato giù" l'idea per il successivo.
Che altro aggiungere, innanzitutto non chiedetemi quale sia il mio libro preferito o quello che mi rappresenta: seriamente non posso scegliere un libro, ogni pagina che ho sfogliato porta un po' di me e del mio essere. Il mio cuore è una libreria, non può esserci un solo libro. Nel tempo libero, quando non sono impegnata a buttare ore e ore con "masturbazioni mentali inutili", adoro, ovviamente, leggere libri, scrivere fiumi di parole, appassionarmi in maniera esagerata a serie-tv rigorosamente straniere ed ascoltare musica.


“La Bolla dei Pensieri” è un libro nato dalla voglia di creare un’antologia dei pensieri che per circa due anni ho raccolto nel mio Blog personale. Riflessioni e appunti di una vita, annotati e dati alla luce nei più disparati momenti del tempo vissuto.
Suddiviso in quattro grandi categorie che, con assoluta certezza, rappresentano i grandi pilastri della vita di ciascuno di noi, i pensieri affiorano come liberi fiori di campo: amore, emozioni, paure e poesie sono le colonne portanti della struttura narrativa.
Il fiume in piena dei pensieri rappresenta il vero nucleo centrale del libro che, con semplicità, ironia e una punta di rabbia, si mostra agli occhi del lettore attraverso una serie di “Pensieri e frammenti” suddivisi per ordine cronologico e categoria di appartenenza, ciascuno con un suo titolo e ciascuno disposto in modo da mostrarsi al cuore di ogni lettore.
La vita di una giovane ragazza che diviene simbolo della vita di tutti i giovani che si ritrovano a dover affrontare la dura realtà del mondo, senza certezze per il futuro e le quotidiane paure che muovono sogni ed amori. La solitudine, la paura del futuro, l’amore sentimento eterno ed effimero, e la poesia che ciascuno di noi può utilizzare come metodo di comunicazione, come chiave per la serratura della porta della propria anima.
Perché “La Bolla dei Pensieri”? Mi sono sempre immaginata dentro una bolla: io, i miei pensieri e nient’altro; il mondo non può e non deve entrare. Questo libro rappresenta per me il labirinto della mia mente, un’antologia di pensieri che, senza alcuno schema narrativo, ho raccolto e conservato con la speranza di condividere con chi prova le mie stesse emozioni, le mie stesse paure: i giovani che vivono in un’Italia in crisi, crisi di valori, crisi economica, crisi di speranze ormai rassegnate.
 

 


Il cuore segreto è la storia di una donna e della sua famiglia, di una verità dolorosa che per anni viene taciuta con grande coraggio, ma che finirà per essere raccontata.
All’inizio della narrazione una giovane donna è seduta su una sedia a dondolo in una vecchia camera asettica insieme a una vecchia signora.
Legge ad alta voce il libro che tiene tra le mani, sul cui dorso, a lettere scarlatte, è impresso il titolo: Il cuore segreto.
Un flashback ci catapulta nel passato, quando la nascita di una bambina porta il sorriso e la gioia in una piccola famiglia. La neonata è il simbolo della rinascita, il segnale divino per l’inizio di un nuovo cammino.
Il trascorrere del tempo porterà eventi inaspettati e traumatici che segneranno per sempre il percorso dei componenti della famiglia.
Torniamo quindi al presente, nella camera in cui riecheggiano le parole della giovane donna mentre il viso dell’anziana signora viene rigato da una lacrima.
I ricordi, i segreti, il dolore, l’amore e la speranza si intrecciano per generare un viaggio pieno di sentimento e passione per la vita, il tutto custodito da tre generazioni di donne nel loro cuore segreto.
 
Simona FerruggiaAutrice, Sceneggiatrice ed Articolista.
- SEGUIMI SU FACEBOOK CLICCA QUI

NEWS LONGANESI


25 AGOSTO

Giugno 1994. Roma sta per affrontare un’altra estate di turisti e afa quando ad Angelica viene offerta una via di fuga: la grande villa in campagna di suo nonno, a Borgo Gallico. Lì potrà riposarsi dagli studi di giurisprudenza. E potrà continuare a nascondersi.
Perché a soli vent’anni Angelica è segnata dalla vita non soltanto nell’animo ma anche su tutto il corpo. Dopo l’incidente d’auto in cui sua madre è morta, Angelica infatti, pur essendo bellissima, è coperta da cicatrici. Per questo indossa sempre abiti lunghi e un cappello a tesa larga. Ma nessuno può nascondersi per sempre.
A scoprirla sarà Tommaso, un ragazzo di Borgo Gallico che la incrocia per caso e che non riesce più a dimenticarla. Anche se non la può vedere bene, perché per Tommaso sono sempre più i giorni neri dei momenti di luce. Ma non importa, perché Tommaso ha una Polaroid, con cui può immortalare anche le cose che sul momento non vede, così da poterle riguardare quando recupera la vista. In quelle foto, Angelica è bellissima, senza cicatrici, e Tommaso se ne innamora. E con il suo amore e la sua allegria la coinvolge, nonostante le ritrosie.
Ma proprio quando sembra che sia possibile non aspettare la notte, la notte li travolge...


25 AGOSTO

Ted McKay ha una vita apparentemente perfetta: è ricco, ha una moglie che lo ama e due figlie adorabili. Ed è a un solo passo dalla morte.
Seduto alla scrivania dello studio, Ted ha in mano una pistola. Il coraggio di un attimo e tutto sarà finito.
Ma proprio quando sta per premere il grilletto viene interrotto da un insistente scampanellio alla porta di casa. Nessuno sa che si trova lì, nessuno sa cosa sta per fare.
Eppure, adesso che apre gli occhi e abbassa lo sguardo, vede un biglietto sul tavolo. Una nota scritta da lui stesso, ma della quale non si ricorda affatto. Poche parole: «Apri la porta, è la tua ultima via d’uscita».
Ted appoggia la pistola sul tavolo. Va ad aprire. E inizia l’immersione nell’incubo.
L’uomo alla porta si chiama Justin Lynch e sembra sapere un sacco di cose sul suo conto, sa addirittura cosa stava per fare. Anzi, è proprio quello il motivo per cui è lì: ha una soluzione per lui. Invece di suicidarsi, con tutto il carico di dolore che rimarrebbe a gravare sulla sua famiglia, Ted deve compiere un assassinio. E qualcun altro, a tempo debito, farà di lui la vittima di un omicidio e non un suicida.
È così che Ted McKay diventa un altro da uccidere…
Ma è così, anche, che inizia un gioco macabro, fatto di illusioni e di manipolazioni, in un vortice che trascina Ted sempre più nel cuore dell’abisso...
Un romanzo innovativo e geniale, capace di ridefinire il concetto di thriller.


25 AGOSTO

«Seduto di fronte alla sua esistenza densa di avventure come un romanzo, ho ascoltato i racconti di mio padre con la devozione di un figlio che compie i primi passi stringendo la mano di chi lo guida. Senza sapere se mai avrei trovato il coraggio di aprire questo ripostiglio così intimo da diventare, paradossalmente, universale. Forse è solo la presunzione a farci credere che ogni nostra avventura sia degna di nota. Eppure, mentre ascoltavo i suoi racconti, ho provato spesso a chiudere gli occhi per condividere con lui la paura del buio e perché la fantasia potesse regalarmi immagini sempre più vive. E le immagini tornano a vorticare ricche di colori sfavillanti, come quelli di un’esistenza unica, in un Paese che, nello sforzo di crescere, regalava opportunità da cogliere come fiori dalla vita breve. La storia di mio padre, Albino Buticchi, è una storia singolare e avventurosa. Questa storia nasce, infatti, quasi dal nulla come tante altre che, insieme, hanno fatto l’Italia. Una storia semplice, in una Casa di Mare…» Marco Buticchi

ALESSIA GAZZOLA
UN PO’ DI FOLLIA IN PRIMAVERA
SETTEMBRE


Quella di Ruggero D’Armento non è una morte qualunque, a partire dall’arma del delitto, uno strumento a dir poco inusuale per un omicidio. E anche perché Ruggero D’Armento non è un uomo qualunque ma uno psichiatra molto in vista, studioso e luminare dalla fulgida carriera accademica e dalla personalità carismatica e affascinante. Alice Allevi se lo ricorda bene, dagli anni di studio e dai seminari che ha frequentato con grande interesse, catturata dal magnetismo di quell’uomo all’apparenza rude ma in realtà capace di conquistare tutti con la sua competenza e intelligenza. L’indagine su questo omicidio è impervia e delicata persino per Alice, ma per fortuna la sua vita sentimentale non lo è più. Sì, perché Alice ha fatto una scelta. Ma sarà quella giusta?





1 SETTEMBRE

Non guardare, Alex Cross
Il chirurgo plastico Elijah Creem è famoso per i miracoli che sa compiere in sala operatoria, ma anche per i suoi festini con escort e modelle minorenni, fra sesso, droga e alcool. Questo finché l’ispettore Alex Cross non interrompe una delle sue serate e lo arresta. Ma il denaro permette a Creem di pagarsi la cauzione e il chirurgo è pronto a tutto pur di non finire in carcere.
Non pensare, Alex Cross
Cross non ha troppo tempo da perdere su quel caso. Una donna bellissima viene trovata morta nel bagagliaio della propria auto, i lunghi capelli biondi tagliati con rabbia, e una ragazza è stata appesa fuori della finestra, un cappio al collo e una brutta cicatrice sul ventre. Al terzo cadavere, orribilmente mutilato, l’opinione pubblica è terrorizzata: sembra proprio che a Washington imperversino tre serial killer.
Fuggi e basta
Alex Cross è talmente impegnato nelle indagini sui tre assassini che non si accorge che qualcuno lo sta spiando. A tenerlo d’occhio è un folle psicopatico, che vuole vendetta. E non intende fermarsi davanti a niente…




15 SETTEMBRE

 "Ogni essere umano ha un bagaglio dal passato e un futuro da costruire su dolori e delusioni, ma anche attraverso soddisfazioni e brividi di gioia. Nel mio caso le delusioni e la sofferenza mi hanno messo a dura prova fin da piccolo, ma in qualche modo sono riuscito a trasformare tutto quel dolore e tutti quegli ostacoli nell'energia positiva che mi serviva per andare avanti e per raggiungere obbiettivi che chiunque avrebbe considerato irraggiungibili. Sono sempre stato convinto che prima o poi l'occasione arriva per tutti. Quel famoso treno che passa di rado, forse addirittura solo una volta nella vita, ma che di fatto transita e che si deve prendere al volo senza pensarci su. È accaduto anche a me, anche se abbastanza tardi, quando avevo già compiuto il mio trentacinquesimo anno di età, ma fino a quel momento non avevo mai smesso di credere che quell'occasione sarebbe arrivata. Questo è ciò che racconto nel mio romanzo: la storia di un ragazzino ingenuo e ottimista, vulnerabile e coraggioso, che, trovatosi suo malgrado a subire le conseguenze delle fragilità dei genitori, deve combattere tutti i giorni per sopravvivere e per non rinunciare ai suoi sogni, imparando a incassare e a rialzarsi sempre dopo le cadute, proprio come Rocky Balboa." Duccio Forzano


RECENSIONE: - AMORE E ALTRE BUGIE - TARRYN FISHER

AMORE E ALTRE BUGIE
Tarryn Fisher
Fabbri Editori
2016
Olivia, ambiziosa e determinata, non si è mai fidata degli uomini, nemmeno di quello a cui ha rovinato la vita: Caleb. Così, dopo essersi amati e feriti a vicenda più di quanto avrebbero mai creduto possibile, le loro strade sembrano essersi divise per sempre. Ma quando lui, a causa di un incidente, perde completamente la memoria, a Olivia si presenta un’opportunità imperdibile: riconquistare l’uomo che non ha mai smesso di desiderare, l’unico di cui non può fare a meno. E per riuscirci non si fermerà davanti a nulla. Neanche alla nuova fidanzata di lui, Leah, ricca, bellissima e dai capelli rosso fuoco. Sarà pronta a mentire, a nascondere il proprio passato e a manipolare chi ama in una disperata corsa contro il tempo. Perché sa benissimo che lo splendido sogno di stare con Caleb ha una data di scadenza: quando lui ritroverà la memoria e ricorderà chi è la vera Olivia, tutto andrà di nuovo in pezzi. O, forse, il suo piano è destinato a fallire ancora prima?

Amore e altre bugie è il primo volume di una trilogia romance originale e insolita ad ambientazione contemporanea.
Lasciate perdere tutto quello che è stato pubblicato fino ad oggi e date un'opportunità a questa singolare lettura.
Si tratta di una storia d'amore particolare non solo per la trama che presenta delle svolte impredibili ma anche per la struttura stessa del racconto. Infatti, le vicende di ogni volume sono raccontate in prima persona e attraverso un diverso punto di vista: Olivia, la ragazza innamorata di Caleb dai tempi dell'università (primo volume), Leah, la nuova fidanzata di Caleb (secondo volume) e infine Caleb, il "pomo della discordia" (terzo volume).
Ma passiamo al volume in questione. Tutto inizia quando Olivia incontra per caso Caleb. Si erano lasciati in malo modo ma lei non l'ha mai dimenticato. E' convinta che non ci sia speranza per loro, fino a quando non scopre che Caleb ha avuto un incidente e soffre di amnesia. A quel punto, Olivia decide di sfruttare questa seconda occasione per tornare con Caleb. Non sarà facile ma arrendersi non è un'opzione... 
La trama di questo volume si snoda tra capitoli dedicati al presente (i tentativi di riconquistare Caleb) e capitoli del passato (il loro primo incontro e le scelte sbagliate che hanno portato alla loro prima rottura).
Nonostante la sinossi e il fatto che la protagonista faccia delle cose veramente brutte per ottenere quello che si prefigge, in realtà, non l'ho trovata odiosa quanto mi sarei aspettata, anzi in qualche modo l'autrice è riuscita a farmi schierare a suo favore. Non ho apprezzato certi suoi comportamenti e la sua dose di pura cattiveria ma considerata la presenza di un altro personaggio altrettanto discutibile spinge in qualche modo il lettore a trovare delle scusanti. Olivia è una tipa tosta, che non esita a mentire e a manipolare le persone ma sapendo quello che cela (non si era mai sentita adeguata, abbandonata e mai amata)... Ha smosso qualcosa in me.
Leah, la nuova fidanzata per come si è mostrata in questo volume è decisamente peggio di Olivia mentre Caleb, inizialmente, sembra un personaggio maschile un po' troppo in balia di Olivia e quasi resta sullo sfondo ma con il procedere della lettura comincia a delinearsi un personaggio che non ti aspetti.
Si legge davvero tutto d'un fiato grazie allo stile scorrevole e alla curiosità di scoprire come finirà questa storia. 
L'unica pecca è che trilogie come queste, dovrebbero essere pubblicate nel giro di poco tempo. E' davvero un'agonia dover aspettare il prossimo volume quando c'è un finale così inaspettato e particolare.