24 apr 2017

NEWS BABELCUBE



Garden City, Kansas, 1888. Una piccola città dell'Ovest riceve un regalo di Natale anticipato: un nuovo pastore per la chiesa.

È giovane, bello e celibe. Ma per l'organista Kristina Heitschmidt, il Reverendo Cody Williams è solo un problema. Soprattutto perché la sua prima mossa è cercare di toglierle il controllo della musica. Ma Kristina non ha intenzione di rinunciare al lavoro di una vita.

Con il Natale alle porte, sembra che i due siano arrivati ad uno stallo. O almeno finché una tempesta improvvisa non li intrappola in chiesa durante la notte. Costretti ad affrontarsi, si rendono conto che i sentimenti esplosivi tra loro sono in realtà i sintomi di una travolgente passione che potrebbe, se riescono ad essere onesti, portare all'amore di una vita.


Una storia tutta da vivere.


Dolce, simpatica, piacevole, divertente e speciale. Un romanzo rosa basato su fatti realmente accaduti, che ti conquisterà per sempre.

LEI è in procinto di pronunciare il fatidico "Sì" all'uomo perfetto, quello che ha sempre sognato.

LUI ha bisogno di tempo per riflettere prima di prendere una decisione che cambierà per sempre la sua vita.

LEI e LUI non si conoscono e neanche sembravano destinati ad incontrarsi. Tuttavia, la speciale e magica isola di Icaria in Grecia sarà testimone della migliore estate della loro vita, quando il mondo dei due protagonisti sembrava sul punto di crollare.





UANDO HAI PERSO LA SPERANZA DI POTERTI INNAMORARE DI NUOVO…
L’autrice ci immerge candidamente in una bella storia d’amore che si svolge in due scenari diametralmente opposti: uno pieno di opulenza e l’altro devastato dalla povertà, in un ambiente simile a quello de “La mia Africa”. Una storia raccontata in prima persona da entrambi i personaggi, da due prospettive diverse.

Una donna indipendente e stanca degli uomini finisce per innamorarsi del suo nuovo architetto. Attraverseranno mille vicissitudini, ma le loro anime si ritroveranno in Africa, dove inizieranno una vita che li arricchirà umanamente.

Una storia d’amore che ti conquisterà, unendo dolcezza ed emozione…


Arianna Grace adorava la sua noiosa vita nel Midwest, quella vita da adolescente in cui ignorava ogni domanda senza risposta che riguardasse la sua infanzia. Perché i suoi genitori sono morti? Come mai non le è rimasto nessun familiare? Dov'è cresciuta fino all'età di cinque anni? Quando un uomo misterioso si offre di spiegarle ogni cosa, Arianna pensa di riuscire ad ottenere le risposte che merita. Al contrario, viene gettata in un mondo di abitanti della notte che si nutrono di sangue.

Nel giorno del suo sedicesimo compleanno, il mondo di Arianna viene capovolto, trasformandola in un vampiro. I Night Humans, o comunemente chiamati demoni, vivono tranquillamente nella nostra società. Imparare tutte le nuove regole di un mondo che non conosceva potrebbe essere difficile, ma le cose si complicano maggiormente quando due vecchi amici cercano di aiutarla ad accettare il suo ruolo come erede del nonno.

C'è una guerra in corso tra i Night Humans. Ci sono schieramenti e confini non ancora superati. Quattro clan principali stanno lottando per il controllo della notte, conteso tra due schiere: i clan dei Dearg-dul e dei Lycan sono in guerra da secoli con i clan dei Baku e dei Tengu. Almeno finché Arianna non scopre la verità: è lei il ponte che potrà unire in pace le due parti. Ma non tutti vogliono la pace, e con i Night Humans divisi, Arianna sarà solo una pedina nella loro guerra. Toccherà a lei scegliere da che parte stare, se dalla famiglia del padre o dalla parte della madre, e per una volta nella vita dovrà prendere in mano il suo destino.




 La sola vista di Dustin Nikoli mi terrorizzava. Il ricordo di ciò che mi aveva fatto passare al liceo mi spingeva a correre lontano da lui. Ero lo sporco sotto le sue scarpe, il mio solo scopo era dargli qualcuno da tormentare.

Nessun altro vedeva tutto questo. Per i suoi amici,lui era il più virile degli uomini. Per tutte le donne che non venivano toccate dalla sua crudeltà, era un oggetto del desiderio. Era il più grande idiota che avessi mai incontrato. Bel viso. Corpo meraviglioso. Brutto dentro.

Mi ero trasferita in un college in un'altra città per evitarlo. Non mi sarei mai aspettata di trovarlo già lì. Forse avrei dovuto condurre ricerche migliori.

La notte in cui m'imbattei in lui non sarebbe potuta essere peggiore di così. Lui era stata la goccia che aveva fatto traboccare il vaso. Usai il mio stato di ebbrezza per darmi coraggio e dirgli tutto ciò che pensavo di lui. E andai a finire nel suo letto...


Il grande Joaquín Sabina si chiedeva in una delle sue canzoni: “Come fuggire quando non rimangono isole per naufragare?”. Per Adriana, la piccola isola di Malta rappresenta la sua seconda e ultima opportunità per ricomporre i pezzi della sua vita infranta. Fuggendo da un passato che non smette di tormentarla, una mattina di ottobre fa le valigie e si imbarca pronta a ricominciare da zero. Un tutto o niente dove VIVERE sarà sempre la sua unica meta.

22 apr 2017

NEWS FOLLIE LETTERARIE


Dall'autrice di "Nati nemici", "Il Falco e la Colomba", "La spada e il Gelsomino", "Il Corvo e la Rosa", una storia fino ad oggi inedita per l'Italia e pubblicata in esclusiva per Follie Letterarie.
Eve Barlow, agente immobiliare e femminista convinta, trova decisamente insopportabili gli atteggiamenti da macho di Clive Kelly, un vigile del fuoco alla ricerca di una nuova casa. Quando i due si trovano a viaggiare insieme per visitare una proprietà sul Lago Michigan, fra loro volano scintille. Poi un incidente mette in serio pericolo la vita di Eve. In quell'occasione, la donna avrà modo di rendersi conto quanto sia piacevole avere un uomo pronto a soddisfare i suoi desideri e a insegnarle come la passione bruciante possa trasformarsi in amore.
 

30 mar 2017

NEWS MONDADORI


4 APRILE

Con quest'uomo ci andrei a letto. Gli ho detto poco più che buongiorno, eppure la parte più segreta di me, quella che sfugge al mio controllo, ha già espresso il suo giudizio. Lui mi tiene aperta la porta della sala riunioni e persino questo piccolo gesto di cortesia mi sembra carico di significato.
Non posso credere di essere a un passo, un solo piccolo passo, dall'aggiudicarmi la casa che lui, Edward Monkford – un innovatore, un architetto riservato e profondo –, ha progettato e realizzato in Folgate Street, civico 1, Londra.
Una casa straordinaria. Un edificio che coniuga l'avanguardia europea ad antichi rituali giapponesi. Design minimalista di pietra chiara, lastre di vetro insonorizzate e sensibili alla luce, soffitti immensi. Nessun soprammobile, niente armadi, niente cornici alle finestre, nessun interruttore, nessuna presa elettrica. Un gioiello della domotica, dove tutta la tecnologia è nascosta.
Una casa che però ha le sue regole, il Regolamento come lo chiamo: se diventerà mia non dovrò soltanto rinunciare a tappeti, fotografie alle pareti, piante ornamentali, animali domestici o feste con gli amici, ma dovrò plasmare il mio carattere, accettare una concezione della vita in cui il meno è il più, in cui l'austerità e l'ordine sono la purezza, e la sobrietà la ricompensa.
Perché lui vuole così, perché lui è così. Ha voluto sapere tutto di me, mi ha chiesto un elenco di tutte le cose che considero essenziali per la mia vita. Dicono che quest'uomo, dai capelli di un biondo indefinito e dall'aspetto poco appariscente, con gli occhi di un azzurro chiaro e luminoso, sia un architetto eccezionale perché non cede a nessuna tentazione.
Tuttavia, la casa è già stata abitata, una volta. Da una ragazza della mia stessa età, quasi una mia gemella, mi hanno detto. Anche lei, come me, non insensibile al fascino di quest'uomo.
Una ragazza che tre anni fa è morta. In questa casa.


4 APRILE

Rosamaria è una donna piena di risorse. Single impenitente, razionalista, illuminista, ha perseguito con determinazione le sue passioni, ha rifiutato di impiegarsi nell'azienda di famiglia ed è diventata regista teatrale, con tutta la fatica che ciò comporta in tempi di crisi e di tagli alla cultura. Uno dei suoi motti è: "troppa religione fa male, qualunque essa sia". Peccato che poi si sia innamorata di David, di famiglia ebraica tripolina osservante, da cui ora, a quarantadue anni, aspetta il piccolo Arturo. Rosamaria vive tra due fuochi: gli Shabbat e i pasti rigorosamente kasher con la famiglia del compagno e i pranzi domenicali molto romaneschi e tendenzialmente impuri preparati invece da sua madre, che, abituata ai modi spicci e all'autonomia della figlia, mal sopporta di vederla così arrendevole nei confronti del compagno. I Cecchiarelli e i Fellus formano loro malgrado una famiglia allargata chiassosa e impegnativa, nella quale Rosamaria – il neonato in braccio, la sceneggiatura di una nuova commedia in borsa – si muove con grazia e concretezza, senza prendersi mai troppo sul serio, cercando di rendere tutti quanti felici.
Sullo sfondo, la crisi economica ormai endemica che qualche anno prima ha portato al fallimento il mobilificio della famiglia Cecchiarelli. Da allora, il fratello maggiore di Rosamaria – forse responsabile del tracollo – ha fatto perdere le sue tracce, ma le ricerche continuano.
Da una giornalista di grande esperienza nonché drammaturga brillante, un romanzo straordinario, che, pur conquistando subito con i toni leggeri da commedia, mette in scena con efficacia la complessità, le tensioni e le contraddizioni dell'attualità, attraverso lo sguardo limpido e disincantato di Rosamaria, una protagonista femminile nella quale è un piacere identificarsi: una donna forte, intelligente, ironica, innamorata, capace di apprezzare tutti i piaceri della vita.
Elisabetta Fiorito, romana, laurea in inglese e master in giornalismo, è cronista parlamentare per Radio24-Il Sole 24 Ore. Ha svolto il praticantato in Canada, al "Corriere Canadese", ha lavorato all'Ansa, all'"Alto Adige", a Radio Capital. Professionista dal 1996, ha condotto programmi radiofonici come "La Quota Rosa", "Cartellone", "Summertime", "Ma cos'è questa estate". Per Radio24, si occupa anche di teatro ed è stata una delle vincitrici del premio Fersen per la drammaturgia nel 2016 con La vita segreta del re dei cannoni, un ritratto di Friedrich Alfred Von Krupp.

4 APRILE

Il Morrison Café è il tempio della scena musicale alternativa romana, e qui il giovedì sera suonano i Bangers, vent'anni e un rock "come un cielo sterminato e altissimo, bianco di nuvole trascinate via da un vento violento". Lodo è il cantante. Grande talento e un'assodata allergia al palcoscenico, occhi azzurri magnetici e un'energia irrequieta che attende di potersi sprigionare, se solo lui sapesse come farlo. Lodo è innamorato di Giulia, una delle sue coinquiline, a Roma per studiare recitazione e cercare di sfondare come attrice, una ragazza intensa e carismatica che con la sua sola presenza è in grado di mandarlo in tilt e azzerargli i pensieri. Libero Ferri è un cantautore pop che un tempo riempiva gli stadi, ma dopo un paio di dischi sbagliati non riesce a venir fuori da un terribile blocco creativo. Il successo gli ha assicurato il benessere e una villa dotata di una sala d'incisione super accessoriata, in cui trascorre giornate frustranti a caccia di un'ispirazione che pare svanita. Accanto a lui Luna, la sua bellissima moglie, affermata press agent, sicura di sé, che da anni lo sostiene, ma che Libero teme di perdere, come ha perso il successo e la fama. Una ragione in più per cercare di mettere a segno il Grande Ritorno. Lodo sente che il mondo è là fuori, pronto a essere conquistato, ma talvolta gli sembra impossibile persino provarci. Vorrebbe essere più simile a Giulia, che affronta la grande città con coraggio, nonostante una famiglia lontana e ostile. Libero dal canto suo teme che il meglio per lui sia passato, ha bisogno di tornare a credere in ciò che fa, di ritrovare il se stesso di una volta. Luna invece vorrebbe spingerlo a vivere guardando avanti, magari mettendo al mondo un figlio. Strade che parrebbero destinate a non incontrarsi mai, quelle di Lodo e Libero, ma quando invece si incrociano, ecco scoccare la scintilla in grado di rimettere tutto in gioco. Tra amori e tradimenti, concerti travolgenti, party lussuosi, incomprensioni e riconciliazioni, successi, fallimenti e colpi di scena, i protagonisti si troveranno a fare i conti con i propri punti di forza e le fragilità, e a compiere scelte che condizioneranno le vite di tutti. Coniugando talenti e temperamenti in una jam session inattesa e sorprendente, Federico Zampaglione e Giacomo Gensini danno vita a un romanzo fresco, generoso e pieno di ritmo, che racconta l'amicizia, i sogni e le passioni di donne e uomini di generazioni diverse, disperatamente, come tutti, alla ricerca della felicità. 


4 APRILE 

Per chi ci lavora, a contatto con il dolore delle persone, il pronto soccorso di un ospedale è una trincea quotidiana, una frontiera sospesa tra la malattia e la salvezza.
Pierdante Piccioni, però, non è un medico qualunque. Nel 2013, a causa di una lesione alla corteccia cerebrale ha perso la memoria e si è risvegliato dodici anni prima della realtà che stava vivendo. Dodici anni inghiottiti in un buco nero. Da lì è ripartito con fatica, tra depressione e rabbia, e ha combattuto con tenacia per riconquistare la propria vita, i propri affetti, il proprio posto nel mondo. Lui, il dottor Amnesia, ora è di nuovo un primario di pronto soccorso.
Ma adesso che è in prima linea, resta ancora un paziente costretto a fare i conti con la disabilità, ed è forse questo ad avergli fatto maturare una nuova empatia nei confronti di chi è malato: ne conosce le sofferenze, ne comprende il disagio dinanzi a quell'elefantiaco «emporio della salute» che è l'ospedale. Avendo vissuto tutto ciò sulla propria pelle, in ogni occasione cerca di comportarsi come avrebbe voluto che i medici avessero fatto con lui, una condizione che se da un lato lo premia, dall'altro emotivamente lo sfinisce.
Scenario del suo ostinato lottare contro vecchi schemi e abitudini è il pronto soccorso, un luogo di confine dove le vite di molti, con le loro incredibili storie, sembrano incrociarsi senza un senso apparente, paradigma di una società nella quale lo stesso Piccioni spesso si sente un reduce senza futuro, costretto ad aspettare ancora il miracolo più grande, quello che gli deve restituire, insieme alla memoria, tutte le emozioni perdute e il senso di un'esistenza da riallacciare.
Ma forse quel miracolo è semplicemente un segreto che sta dentro di noi. È la passione di vivere, la stessa passione che lo spingerà ad andare oltre il suo ruolo di primario, per inventarsi un nuovo lavoro, occupandosi dei pazienti più fragili, dei più soli, degli ultimi. Di quello che lui è stato e che, in fondo, ancora lo definisce: essere «diversamente normale».

21 mar 2017

NEWS DE AGOSTINI


*** IL NUOVO STRAORDINARIO ROMANZO DI JENNIFER NIVEN ***

Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d’ordine di Jack Masselin, diciassette anni e un segreto ben custodito: Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi genitori, o quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell’impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. E finora è riuscito a cavarsela. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell’universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per poter essere accettata dai suoi compagni di scuola. Un giorno, per non sfigurare davanti agli amici, Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due caratteri più diversi dei loro. Eppure… più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.

NEWS MONDADORI ELECTAYOUNG


I CAVALIERI CIGNO
Erin Bow
in libreria       aprile 2017


Dopo il successo di Il dominio dello scorpione, Mondadori Electa ne pubblica il seguito: I Cavalieri Cigno.
Greta Stuart ha sempre saputo quale sarebbe stato il suo destino: morire giovane. Principessa ereditaria della sua patria ma anche ostaggio destinato a essere la prima vittima di una guerra inevitabile. Ma quando la guerra, alla fine, arriva, è un conflitto che spezza tutte le regole, nel quale Greta forgia per se stessa una strada molto diversa. Non più principessa, non più ostaggio, nemmeno più umana: Greta Stuart è diventata una IA, Intelligenza Artificiale. Se sarà in grado di sopravvivere alla transizione, Greta conquisterà il suo posto al fianco di Talis, l’onnipotente IA che domina il mondo. Talis crede fortemente nel mantenimento della pace attraverso l’uso di armamenti estremi. Se però i problemi si fanno troppo personali, a risolverli sono chiamati i Cavalieri Cigno, un ristretto gruppo di umani, parte esercito e parte culto, al servizio delle Intelligenze Artificiali.
Così sono due i Cavalieri Cigno a scortare Greta e Talis attraverso i paesaggi post-apocalittici del
Saskatchewan. Ma il fato di Greta ha sprofondato il suo regno in un’aperta insurrezione e quella grande prateria di erba disseccata può celare ribelli decisi a salvarla... o forse a ucciderla. Tra loro Elián Palnik, il ragazzo che Greta ha salvato, ma anche il ragazzo che vuole cambiare il mondo: con una lama in pugno, se necessario. E, forse, perfino i duramente leali Cavalieri Cigno potrebbero non essere tutto quello che sembrano.
Il destino di Greta, e il destino del mondo, sono in bilico sul filo di una lama.

Erin Bow è l’autrice de Il dominio dello scorpione, opera che ha ricevuto eccezionali riscontri, oltre a essere stata eletta Miglior Libro dell’Anno secondo il “Kirkus Reviews”. Altre sue opere sono Plain Kate, celebrato fantasy di ispirazione russa, Miglior Libro dell’Anno per la YALSA, e Sorrow’s Knot, terrificante storia di fantasmi Young Adult, accolto con recensioni a cinque stelle e, di nuovo, Miglior Libro dell’Anno per il “Kirkus Reviews”.