01 giu 2015

INTERVISTA: BENJAMIN PERCY

Benjamin Percy è nato ad Eugene, in Oregon.
I suoi lavori hanno riscosso un grande successo in America, dove l'autore sta lavorando alla trasposizione cinematografica di "The wilding", primo romanzo del suo curriculum.
La collana Il Giallo Mondadori ha pubblicato qualche anno fa la raccolta di storie brevi "I serpenti del cratere".
"Il rosso della luna" è il secondo romanzo dell'autore, e la sua pubblicazione italiana avviene in contemporanea con quella negli Stati Uniti. Il libro verrà presto tradotto anche in altre sette lingue ed i diritti cinematografici dell'opera sono già stati acquistati dalla Gotham Group.
In occasione dell'imminente arrivo di questo romanzo nelle nostre librerie, Ben si è gentilmente offerto di lasciarsi intervistare per il nostro blog, così da far conoscere meglio se stesso ed i suoi licantropi a tutti i lettori italiani.

Benvenuto su UNA PASSIONE E OLTRE Benjamin, e grazie di aver accettato di chiacchierare con noi! Per rompere il ghiaccio, che ne diresti di raccontarci cosa hai provato quando hai saputo che il tuo libro sarebbe stato pubblicato anche in Italia?
Mi sono sentito molto emozionato. E adesso spero di essere così fortunato da visitare il vostro paese al più presto.

Ma dicci, come ti è venuta l'idea da cui è nato "Il rosso della luna"?
Molte delle mie storie del terrore preferite -e molti dei classici horror più famosi di tutti i tempi- sono il risultato di un disagio culturale. Basta pensare alla nascita di Frankenstein, così strettamente collegata al contesto della Rivoluzione Industriale, in cui si svelano tutti i timori dell'epoca nei confronti della scienza e della tecnologia, incarnate nella storia dalla creatura del dottore.
Così, quando ho deciso di scrivere "Il rosso della luna", ho preso in considerazione ciò che più ci spaventa, ed ho intrecciato assieme malattia e terrorismo. La storia è una reinvenzione post-undici settembre del mito del licantropi.
Hai per caso familiarità con i prioni? Non si tratta di un virus, ma di proteine mal ripiegate, un agente patogeno di origine animale responsabile della Mucca Pazza e della Sindrome del Dimagrimento Cronico. Nel mio romanzo, in epoca preistorica, l'agente viene trasferito dai lupi all'essere umano e muta, attaccando il cervello ed esacerbando la rabbia e gli impulsi sessuali. Tornando ai giorni nostri ci ritroviamo in un mondo in cui il dieci percento della popolazione è infetta.
I lupi mannari -che sono identificabili perché inseriti in un registro pubblico- non possono svolgere determinati lavori e sono costretti ad assumere una droga che ne attenua le percezioni emotive, oltre che sottoporsi ad esami sanguigni mensili. Risulta piuttosto ovvio che esistano delle fazioni ribelli, ed il romanzo si apre proprio con un attacco terroristico, presto seguito da un tracollo del governo.
Nel tuo romanzo gli esseri umani sono i buoni o i cattivi? Ma soprattutto, esistono davvero buoni e cattivi?
I buoni ed i cattivi sono presenti in entrambe le fazioni. Niente è solo bianco o nero, ogni personaggio è descritto in tutte le sue sfumature di grigio. Questo è un racconto epico che si svolge nel corso di diversi anni e riguarda molti individui differenti: politici, agenti del governo, ricercatori che studiano un possibile vaccino, studenti del college, soldati, hacker informatici, terroristi e molti altri.
Parlando per un momento di letteratura in generale, quali sono i tuoi scrittori preferiti? E quali i generi che preferisci leggere?
Ah, potrei andare avanti all'infinito, citando una lista di autori potenzialmente illimitata. Per brevità diciamo Margaret Atwood, Cormac McCarthy, Stephen King, Daniel Woodrell, Denis Johnson e Flannery O'Connor.
Per quanto riguarda le mie abitudini di lettura cerco di essere il più possibile onnivoro, di leggere poesia, romanzi, antologie di storie brevi, memorie, saggi, biografie. Lavori scritti al giorno d'oggi e risalenti a molti anni fa. Opere scritte da uomini e donne di tutte le età, di tutti i possibili background culturali e con diverse sensibilità.
Credo che questo in qualche modo mi permetta di viaggiare spaziando ampiamente, di vivere molte vite diverse, di espormi a nuovi concetti di estetica e, spero, di influenzare la mia stessa scrittura.
Se "Il rosso della luna" diventasse un film, quali attori sceglieresti per i tuoi personaggi?
Che ne diresti di Jennifer Lawrence nei panni di Claire Forrester, Kate Beckinsale come Miriam, Jon Hamm come Chase Williams, John Malkovich come Tall Man e Liam Hemsworth come Patrick Gamble?
Accidenti, mi piace. Facciamolo succedere.
E quale sarebbe invece la perfetta colonna sonora, o la playlist che consiglieresti di ascoltare durante la lettura?
Assolutamente "Furr" dei Blitzen Trapper. Non solo è l'epigrafe del romanzo, ma anche una delle mie canzoni preferite; una fiaba intrisa di nebbia suonata ad un ritmo che fa battere i piedi a tempo senza nemmeno rendersene conto.
Poi anche
"Red Right Hand" di Nick Cave, "Bad Moon Rising" dei CCR ed "Howl" dei Beware of Darkness.
C'è un aneddoto divertente che ti è capitato mentre scrivevi il libro? Facci sorridere!
Si potrebbe dire che questo libro ci ha messo parecchio tempo ad arrivare, che in realtà lo sto scrivendo da tutta la mia vita, perché quando ho traslocato, recentemente, ho ritrovato delle vecchie carte, tra cui una "ricerca" fatta in prima media. Il titolo: Licantropi! (Sì, con tanto di punto esclamativo.)
C'è una scaletta per i contenuti, nonostante il saggio sia lungo soltanto cinque pagine, e la sezione conclusiva riguarda "La Cerimonia del Lupo". Io, in tutta sincerità, all'epoca ho tentato di trasformarmi. Sotto la luna piena. Nel mio giardino.
Il professore è rimasto tutt'altro che impressionato dai miei sforzi, e mi ha dato una "B".
Adesso parliamo di quello che succede dopo il processo creativo. Una volta uscito un tuo romanzo, leggi le recensioni sulle community come Goodreads o Anobii? O in siti di vendita come Amazon?
Ogni tanto. Ma la cosa può anche distrarre molto. Alcuni commenti sono adorabili e ragionati, ma altri sono assolutamente sgradevoli e a volte ci vuole un po' per riprendersi da questi ultimi, per ricordare a te stesso che ogni volta che tenti di fare qualcosa di coraggioso qualcuno cerca di farti sentire da schifo in proposito. Lo stesso vale per quanto riguarda il leggere le recensioni di giornali e riviste. Io posso solo sperare che il mio lavoro emozioni ed intrattenga, educhi, lasci col cuore in gola e faccia ridere e piangere; ed alla fine sperare di concentrarmi nell'elaborazione del mio prossimo libro e fare un lavoro sempre migliore.
E noi ti auguriamo di non smettere mai di fare quello che ami. Grazie di tutto, Ben!
IL ROSSO DELLA LUNA
Benjamin Percy
Sperling & Kupfer
30 APRILE 2013
In un futuro molto prossimo, l'America - così come il mondo intero - è divisa in due: da una parte gli esseri umani, che non mangiano carne e difendono gli animali, ma sono pronti a scatenare guerre sanguinose contro i loro avversari, e dall'altra i Resistenti, uomini-lupo che vogliono diffondere la loro razza. Mentre la tensione cresce pericolosamente, un ragazzo di diciassette anni, Patrick, è costretto ad affrontare una scoperta terribile: lui non è completamente umano, nelle sue vene scorre sangue di lupo. Da quel momento, il ragazzo deve scegliere; tra la notte e il giorno, tra uomini e lupi, tra la ragazza di cui gli sembra di essere innamorato e la donna-lupo che lo attrae come non gli era mai successo prima.
Vivono tra di noi.
Potrebbero essere i tuoi vicini. Tua madre. Il tuo amante.
Possono mutare.
Ogni adolescente pensa di essere speciale, diversa. Quando gli agenti del governo irrompono in casa di Claire Forrester ed uccidono i suoi genitori, lei realizza quanto diversa sia effettivamente.
Patrick Gamble non è nessuno di speciale, fino al giorno in cui sale su di un aereo e ne discende ore dopo come unico passeggero sopravvissuto.
Il presidente Chase Williams ha giurato di proteggere i cittadini degli Stati Uniti dalla minaccia che si nasconde in mezzo a loro, ma sta diventando proprio ciò che ha promesso di distruggere.
Fin'ora la minaccia è stata tenuta sotto controllo dalla legge, con violenza e droghe. Ma la Notte di Luna Rossa sta arrivando, un mondo irriconoscibile ne emergerà, e la battaglia per l'umanità avrà inizio.

Nessun commento:

Posta un commento