31 mag 2015

RECENSIONE: - LA VIA DEI LUPI - SUSAN LAINE

AUTORE: Susan Laine
CASA EDITRICE: Dreamspinner Press
DATA PUBBLICAZIONE: 2013

Kris Ellis credeva che i tempi dei matrimoni combinati fossero finiti, ma questo era prima che la Grande Rivelazione svelasse al mondo che creature mitologiche vivono tra gli esseri umani. Ora un test medico di routine ha decretato che Kris ha un compagno, un licantropo di nome Rafael King. Kris è appena uscito dal college e ha dei piani per il suo futuro. Nessuno di quei piani include l’essere legato per sempre a qualcuno che non ha mai nemmeno incontrato. Ma poi Rafe lo chiama e Kris inizia a riconsiderare la cosa. Dopotutto, come deve essere aspettare il proprio compagno per oltre duecento anni? Rafe è paziente, forte e gentile, e pure affascinante. Confermando ciò che Kris ha sentito dire riguardo ai compagni, le scintille volano nel secondo esatto in cui si incontrano. Ma Kris e Rafe sono molto diversi e lo stile di vita dei licantropi è pericoloso. Combattere per l’amore vale davvero la pena?

Devo iniziare col dire che questo romanzo è insolitamente breve per i miei standard (appena 90 pagine). Ciò che normalmente mi disturba delle storie costrette a risolversi tanto rapidamente è la sensazione che l'autore abbia finito, per forza di cose, per affrettare i tempi o tralasciare ogni tanto elementi importanti. Non è assolutamente il caso di Susan Laine, che riesce a racchiudere in queste poche pagine tutto ciò che voleva dire, creando una storia interessante ed approfondita quanto basta, senza dilungarsi risultando noiosa.
L'ambientazione, pur avendo elementi abbastanza noti, è al tempo stesso tutt'altro che banale e non risulta ridondante se paragonata ad altre del genere.
Di creature soprannaturali negli ultimi tempi ne abbiamo sentito parlare a profusione, e più di una volta ci è stato proposto lo scenario di un mondo in cui questi esseri si fossero svelati alla razza umana per convivere con essa apertamente e senza sotterfugi. Ne "La via dei lupi" la fusione tra culture risulta assolutamente credibile, ed apprezzabili sono i risvolti che l'autrice prevede per un'America che debba fare i conti con una popolazione tanto eterogenea. L'accenno ad organizzazioni come l'NFL, all'odio razziale così come all'esistenza di folli grupie disposte a tutto per accoppiarsi con i soprannaturali, rende dinamico e molto verosimile questo setting altrimenti potenzialmente forzato.
Venendo alla trama, la cosa che ho più apprezzato è stata la vena di cinismo iniziale. Dopo aver "assistito" (in quanto lettrice) ad innumerevoli colpi di fulmine ed infinite storie d'amore tra compagni predestinati, non ho potuto non adorare un protagonista che volesse opporsi ad un simile meccanismo. Perché sì, ci può anche stare che due anime gemelle vengano unite dal destino, ma come si potrebbe evitare un'almeno iniziale e naturalissima titubanza? Come si potrebbe accettare così, su due piedi, un matrimonio combinato (pazienza che a combinarlo siano state sconosciute forze superiori) con qualcuno con cui non si abbia mai avuto a che fare? Dopo essermi ritrovata di fronte ad una serie di protagonisti pronti ad accettare passivamente la situazione, finalmente e per la prima volta Kris mi ha mostrato una reazione normale! Certo, certo, alla fine sono una romantica e non potevo non sperare che l'unione tra lui e Rafe avesse successo, ma ho provato molto più gusto alla prospettiva che la relazione tra loro si sviluppasse tenendo conto anche di questioni pratiche, perché l'amore è splendido, ma per poterlo vivere giorno per giorno bisogna tener conto anche di fattori assai più vili e materiali. E' stato bello che per una volta i personaggi si preoccupassero delle rinunce che avrebbero dovuto fare, ragionassero su come adattare i propri progetti di vita alla convivenza e così via. Ha reso la storia più vera e, per quanto mi riguarda, più coinvolgente.
Ciò detto, la dolcezza certo non manca, e la passione neppure. (Di questo non c'è da preoccuparsi).
La via dei lupi è un romanzo intelligente e bollente al tempo stesso, da divorare come i protagonisti si divorano a vicenda, e con un finale che lascia il sorriso sulle labbra.

Nessun commento:

Posta un commento