28 set 2015

RECENSIONE: - PRENDIMI PER MANO - SARINA BOWEN



Dopo un terribile incidente che ha distrutto per sempre la sua promettente carriera sportiva, Corey Callahan è costretta a cominciare il college inchiodata ad una sedia a rotelle. È convinta che nessuno possa capire davvero come si senta, ma ecco che incontra Hartley, il ragazzo bello, affascinante e gentile che vive proprio nell'appartamento di fronte al suo. Hartley è stato infatti vittima di un brutto infortunio che l'ha obbligato a smettere di giocare a hockey e che lo costringe a trascorrere i pomeriggi sul divano. 

L'amicizia tra i due è immediata e, tra stampelle, confidenze e risate a tarda notte, Corey ricomincia a sentirsi di nuovo se stessa e felice. Ma c'è un problema: Hartley è fidanzato con una ragazza praticamente perfetta e Corey ha paura di compiere il passo sbagliato...


La storia di un ragazzo e una ragazza che si trovano nella fase della loro vita più elettrizzante e spaventosa al tempo stesso è racchiusa in questo libro. Sono giovani che vogliono realizzare i loro desideri. Sono Corey e Hartley.

Lei è una ragazza modello, studia, si impegna ed eccelle nello sport che tanto ama e di cui sogna farne un lavoro in futuro, peccato però che debba affrontare una svolta negativa nel suo percorso. Durante una partita si fa male, quella che sembra una semplice caduta in realtà la porterà sulla sedia a rotelle. A ciò seguono interventi, riabilitazione ma soprattutto prendere coscienza che il suo sogno è infranto per sempre. Sebbene non sia del tutto paralizzata, e grazie alla terapia riesce a camminare un po’, la vita all’interno del campus non è quella che si era immaginata, sul suo cammino incontrerà parecchie barriere architettoniche; ma poi incontrerà lui : Hartley.
Lui è un bel ragazzo, che ha fatto una bravata e che ha pagato rompendosi la gamba, motivo per il quale non può partecipare momentaneamente agli allenamenti di hockey. Ha una fidanzata appartenente all’alta società, che guarda Corey dall’alto verso il basso e che sebbene stia con Hartley non si fa problemi a farsi coinvolgere da altri ragazzi e a non celare la cosa.
Lui e lei confrontano le loro esperienze, i loro incidenti e i loro sogni arrivando alla conclusione che entrambi si comprendono alla perfezione, vedono il mondo con occhi molti simili e come nessun altro può. Hartley ammira Corey per la forza che dimostra nell’affrontare giorno per giorno la sua situazione, affrontano insieme le sue paure e trovano risposte ai suoi dubbi. E proprio la soluzione di uno di questi li porterà a superare il confine di amicizia e a complicare la situazione.
Così Corey si innamora di lui senza però rivelarglielo per paura di rovinare il rapporto di amicizia che c’è tra loro e che sembra essere uno sprono a ritrovare se stessa, a rimettersi in piedi, metaforicamente parlando.
Hartley dal canto suo, è circondato da un alone di mistero per gran parte del libro, non sappiamo molto del come si sia fatto male, del suo assetto famigliare ma soprattutto del perchè continui a stare con una ragazza che non è innamorata di lui quando dall’altra parte del corridoio ce n’è una che non sogna altro.
Il mistero viene svelato alla fine, vengono riprese scene passate e analizzate in tutti i minimi dettagli e questo, devo dire, dal punto di vista narrativo è un ottimo espediente poichè si arriva con il fiato sospeso fino alla fine.
D’ altro canto però, ciò che non mi ha entusiasmato parecchio è come l’autrice abbia deciso di evolvere il loro rapporto, o meglio la facilità con cui lui abbia potuto decidere di fare questo passo per poi “allungare i tempi”. Si potrebbe dire che non abbia dovuto fare i salti mortali per averla e che lei si è poi adeguata alle sue decisioni , forse cambiando questo dettaglio il libro avrebbe avuto quel qualcosa in più che dovrebbe essere presente in questo punto della narrazione per poter definire il libro un capolavoro fatto e finito.
Tuttavia il libro merita di essere letto poiché è scritto bene, ha una trama avvincente e la figura di Corey (così come la scelta di trattare di handicap simili di cui non ho mai letto in precedenza in un romanzo New Adult) potrebbe essere d’esempio o comunque uno specchio per chi si ritrova a vivere la stessa situazione o semplicemente a rapportarsi con un problema che sembra più grande di sé stessi.

Alla prossima,

If you are an Author or a Publishing House who want a review, send me Your ebook at this account: anna.plura85@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento