07 set 2015

NN EDITORE NEWS

laudadio_3d copia

L’UOMO CHE NON RIUSCIVA A MORIRE
Tony Laudadio
Uscita: 15 Ottobre 2015 – pp.gg. 160

Il protagonista di questo romanzo di Tony Laudadio è un professionista affermato e un uomo soddisfatto della propria vita. Quando gli viene diagnosticata la malattia, la affronta con lucidità e coraggio, coraggio che riesce a infondere anche alle persone care che gli stanno accanto. Ma come sempre nelle opere di Laudadio, il gioco sul realismo e sul tragico quotidiano sconfina nel comico e nel surreale. E con L’uomo che non voleva morire, si spinge nel più grande dei paradossi: la vita che non ha mai fine.
Tony Laudadio oltre che attore di teatro formatosi alla Bottega di Gassmann, è attore di cinema con Marco Risi, Nanni Moretti e Paolo Sorrentino ed è autore di testi teatrali e di opere letterarie. I suoi romanzi, Esco (2012) e Come un chiodo nel muro (2013) sono editi da Bompiani.
3D-cover poiss

IL PARADISO DEGLI ANIMALI
Autore: David James Poissant
Traduzione di Gioia Guerzoni 
Uscita: 15 Ottobre 2015 – pp.gg. 302


“Come in Flannery O’Connor,
le storie di Poissant sono abitate dalla violenza, dall’ironia e dalla grazia. Come in George Saunders, i suoi racconti magicamente riflettono la realtà così come appare. E come in Raymond Carver, le sue scene sembrano immerse nel cherosene, un attimo prima delle deflagrazione.” KAREN RUSSELL
votato DaI lettorI DI amazon
come mIGlIor raccolta DI short storIes 2014
Questo libro è per chi sogna di viaggiare su un furgoncino Volkswagen in compagnia di un labrador nero, per chi ama i film di Wes Anderson e la canzone di Baghdad Café, per chi sorride ai cani per strada e per chi si sente dare del pazzo incosciente, ma in realtà è caduto in un cerchio magico da cui riuscirà prima o poi a uscire.
I racconti di David James Poissant parlano di relazioni. Genitori e figli, mariti e mogli, amanti o amici, i protagonisti di queste storie sono ritratti in un momento decisivo della loro vita quando, per la forza brutale dell’amore, si trovano sulla soglia di un precipizio, spinti sul crinale da decisioni che loro stessi hanno preso. E sull’orlo del burrone, a ciascuno viene chiesto di fare una scelta: saltare o tornare indietro. Gli animali servono da “catalizzatori”, scatenano reazioni paradossali, spesso grottesche. E sono anche metafore di un territorio sospeso tra realismo e allegoria. I paesaggi sono quelli dell’America del sud, Atlanta, Florida, Tucson, ma anche Midwest e California. Non è il sogno americano, ma un luogo più selvaggio e ai margini dove fallimento e vittoria sono molto più vicini di quanto ci si aspetti, e il finale, lieto o triste che sia, libera sempre nuove speranze di riscatto e una profonda compassione.
Come nella poesia di James Dickey, che dà il titolo a questa raccolta: “Sotto l’albero/ cadono/ sconfitti/ si rialzano/ si rimettono in cammino”. Che poi è quello che tutti tentiamo di fare.
"I miei occhi sono
a pochi centimetri
 da quelli dell’alligatore.
 Li chiude senza chiuderli. Una membrana sottile, trasparente, scivola sulle pupille, avanti e indietro.
 È una cosa incredibile.
 Un ammiccamento saggio. 
Lo vedo e mi sento sicuro."
David James Poissant è docente del Master di Fine Arts nell’Università del South Florida. I suoi racconti sono apparsi in diverse riviste e nell’antologia Best New American Voices, e hanno vin- to numerosi premi, tra cui l’Alice White Reeves Award della National Society of Arts & Letters. Con Il paradiso degli ani- mali ha vinto il Florida Book Awards for Fiction 2014, ed è stato finalista al Los AngelesTimes Book Prize e al PEN/Robert W. Bingham Prize.
Nel 2015 il Glca lo nomina vincitore del New Writers Award for fiction, accostandolo ad autori del calibro di Alice Munro e Richard Ford.
Gioia Guerzoni traduce da vent’anni, quasi sempre narrativa. Tra i suoi autori, Teju Cole, Iris Murdoch, Siri Hustvedt. Nel 2008 ha curato un’antologia di giovani autori indiani per Isbn editore. Si occupa di progetti editoriali, anche come scout, e partecipa a festival letterari internazionali. Per NN cura anche la pagina twitter (@nneditore).

Nessun commento:

Posta un commento