02 set 2015

DAL SOL LEVANTE CON FURORE A CURA DI ANNA AI YAZAWA

Okaerinasai !!

Ben ritrovati cari lettori, come ben sapete in questi giorni il Giappone commemora il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki avvenuto durante la seconda guerra mondiale e che ha causato enormi danni soprattutto a livello umano.
Ma il Giappone fortunatamente si è rialzato da questa rovinosa caduta e nel tempo è diventato la grande potenza che è oggi. Pertanto voglio rievocare la bellezza della nazione e la particolarità della sua arte parlandovi di due manga che ho amato particolarmente:


Nana di Ai Yazawa

Genere:Comico,drammatico,romantico,tragedia,spaccato di vita quotidiana

Casa Editrice : Panini Comics e Planet Manga

Trama : Le protagoniste sono due ragazze entrambe ventenni e che hanno preso la stessa decisione di trasferirsi a Tokyo. Una è Nana Komatsu e l’altra è Nana Osaki,si conoscono sul treno che le porterà alla loro comune destinazione. Passato del tempo si incontrano nuovamente nell’appartamento che entrambe vorrebbero affittare,da qui la decisione di diventare coinquiline e condividere le loro esperienze di vita. Nana Osaki è la cantante di una band che spera di diventare famosa un giorno, Nana Komatsu ribattezzata Hachi dalla prima per potersi distinguere facilmente,inizialmente intraprende il viaggio per raggiungere il suo ragazzo dal quale poi si separa poiché capisce di voler diventare indipendente. Seguono le vicende delle loro vite che ci permettono di conoscere altri personaggi come Ren,fidanzato di Nana Osaki e anch’egli cantante di una band molto più famosa rispetto a quella della fidanzata. Entrambi hanno un passato particolare alle spalle poiché orfani e cresciuti assieme con le loro rispettive debolezze ma personalmente è la coppia che mi è più piaciuta nel manga. Dall’altra parte abbiamo Nana “Hachi” che cerca disperatamente l’amore e sarà al centro di numerose vicende strappalacrime. Non voglio svelarvi molto poiché ci sarebbe tantissimo da dire per farvi capire quanto sia stata fenomenale l’autrice, non per altro è la mia preferita in assoluto. Ogni capitolo dei 42 da cui è costituita l’opera inizia con un pensiero di una delle due ragazze che sviluppa quello che è chiamato intreccio a parallelismo, ossia un modo per collegare due o più personaggi instaurando una sorta di comparazione per evidenziare le differenze e similitudini che intercorrono tra di essi. Questo metodo rende il tutto più interessante ma soprattutto più realistica la trama che viene sviluppata. Ci sono diversi personaggi secondari che, alla fine, non sono poi tanto secondari in quanto contribuiscono alla crescita di quelli principali e ne influenzano il percorso di vita in maniera radicale. Fortunatamente è disponibile anche l’anime di questo capolavoro, uno dei più venduti in Giappone tanto da essere al secondo posto nelle classifiche di vendite per ogni volume venduto. Nel caso dell’anime le colonne sonore e le voci dei doppiatori scelti sono un’aggiunta di notevole valore che caratterizzano ulteriormente il lavoro fatto dalla mangaka. In aggiunta sono stati creati due film “Nana” e “Nana 2” incentrati principalmente sulla figura di Nana Osaki,sul suo passato e la sua band ponendo in secondo piano altre relazioni e personaggi.


Death Note di Oba Tsugumi

Genere: Azione,drammatico,fantasy,psicologico,horror,soprannaturale,tragedia

Casa Editrice: Panini Comics- Planet Manga

Trama : Light Yagami è uno studente modello che non trova stimoli nella routine quotidiana ed è stanco della società in cui è costretto a vivere poiché caratterizzata da corruzione e crimini. Perciò il giorno in cui trova per terra un misterioso quaderno nero, intitolato "Death Note", che reca l'istruzione "L'umano il cui nome sarà scritto su questo quaderno morirà", sebbene inizialmente scettico, prova il quaderno scrivendo i nomi di due criminali e nota la veridicità dell’iscrizione. Conosce poi il proprietario del quaderno, uno shinigami di nome Ryuk che glielo cede così che il nuovo obiettivo di Light è diventare il Dio del nuovo mondo in cui non sono presenti criminali di alcun tipo. Dato il numero sempre maggiore di morti che si susseguono,l’Interpol decide di investigare con l’aiuto di un famoso detective conosciuto come Elle il quale si avvicina sempre più alla verità. Ma Light gioca di anticipo grazie al padre poliziotto che entra a far parte della divisione che cerca il killer chiamato Kira così da poter essere informato degli sviluppi delle indagine e,ancor di più, riesce ad entrare nella squadra tramite un escamotage. Da qui nasce una forte competizione tra Elle e Light, sentita soprattutto da quest’ultimo che cerca in tutti i modi di scoprire la vera identità del detective così da poterlo uccidere. Subentreranno poi altri personaggi reali e del mondo degli shinigami, dei tasselli fondamenti per lo sviluppo e l’epilogo della vicenda. I 13 volumi del manga sono stati trasformati in 37 episodi che costituiscono l’anime davvero ben fatto. Si deve calcolare che il manga di partenza è davvero complesso e che la differenza sostanziale tra un manga e un anime è che nel primo si è liberi di rivedere i capitoli precedenti per cogliere dei dettagli che possono sfuggire ,mentre nell’anime si devono concentrare tutti i fattori fondamentali per la riuscita di una trama e caratterizzazione del personaggio. Motivo per il quale vi consiglio di leggere prima il manga e successivamente godervi i vari episodi accompagnati da una buona dose di pop corn...o di mele.

Spero che siano di vostro gradimento questi mie consigli di lettura,
alla prossima.

Nessun commento:

Posta un commento