24 lug 2015

RECENSIONE: - ALL'INFERNO NON C'E' GLAMOUR - LUCY SYKES JO PIAZZA



AUTORE: Lucy Sykes Jo Piazza
CASA EDITRICE: Piemme
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2015

Imogen Tate, stiletto vertiginoso e un alone di fascino che la avvolge come un tailleur di Chanel, può dire di avercela fatta: pupilla di Anna Wintour, è riuscita a posare la sua borsa Hermès sull’ambita scrivania di direttrice di Glossy, scintillante magazine che le mani laccate di tutta New York sfogliano avidamente ogni settimana. Insomma, il mondo della moda la adora e non può fare a meno di lei. Almeno finché Im non va via per un anno sabbatico. Al ritorno, infatti, sulla sua scrivania trova un altro paio di tacchi a spillo: quelli di Eve Morton, la sua ex assistente. Che adesso, dopo un master nella Silicon Valley, è tornata nella redazione di Glossy a prendere il posto di comandante in capo, con in mano un’arma letale. La tecnologia. Eve è multicanale, “multisociale”, twitta, whatsappa, posta su Instagram e Facebook… 
Come se non bastasse, ha licenziato metà dello staff e assunto ragazzine magrissime che vanno avanti a tofu e quinoa e lavorano 24/7. 

Ma può un tweet sostituire la carta patinata? La classe non passa per Internet o, perlomeno, non solo: e quando una serie di catastrofi minaccia di mandare all’aria Glossy per sempre, Imogen e Eve dovranno unire le forze…

All'inferno non c'è glamour, testo che richiama molto Il Diavolo veste Prada, è un romanzo scritto da due profonde conoscitrici della moda e tutto quello che ruota attorno.
Faccio una breve premessa. Io non ho letto Il Diavolo veste Prada e non sono un'appassionata di moda ma confesso che questo libro mi è piaciuto molto. E' senza dubbio la lettura giusta per rilassarsi in questa estate caldissima.
Tutto inizia quando Imogen Tate, una quarantaduenne intelligente, elegante, indipendente e di successo torna al suo lavoro di capo di una famosa rivista di moda, scoprendo che la sua bella rivista di moda cartacea si è trasformata in una on line. Il problema è che Imogen non ha dimestichezza con il mondo virtuale e invece dovrà lavorare con Eve la sua ex assistente, arrogante, presuntuosa, arrampicatrice sociale ma costantemente connessa ad Internet. Questo farà sentire Imogen fuori posto nella rivista che lei stessa ha portato al successo in passato.
La storia è raccontata soprattutto dal punto di vista di Imogen (ma non è l'unico) ed è ambientata a New York. All'inizio la trama è incentrata su come le due donne dovranno collaborare per portare avanti la rivista, poi si passa alle contrapposizioni: cartaceo o on line? una quarantaduenne impeccabile e classica o una donna giovane e spregiudicata? Conta la quantità o la qualità per avere successo?
Un ironico dietro le quinte di una rivista di moda: pugnalate alle spalle, idee sensazionali, lotta per portare a casa risultati, servizi fotografici, sfilate di moda e via di seguito.
Mi è piaciuta Imogen, una donna di successo ma anche dolce e leale nonostante le difficoltà a cui viene sottoposta. Forse l'avrei preferita più battagliera fin dall'inizio, invece di mostrarsi troppo accondiscendente. E' vero che è stato uno shock per lei assistere a quel drastico cambiamento però per certi aspetti mi è sembrata un po' troppo defilata.
Come accennato all'inizio, le due autrici sanno bene di cosa stanno parlando per cui non potevano mancare nomi di stilisti, capi di abbigliamento, manifestazioni, marchi famosi ma considerato che il mondo virtuale la fa da padrone, vengono citati anche community e app di vario genere.
Lo stile è scorrevole, leggero e frizzante, la trama è veloce, i dialoghi sono spiritosi e i personaggi sono ben caratterizzati.
Consigliato!

Nessun commento:

Posta un commento