15 ott 2015

RECENSIONE: - MAGISTERIUM IL GUANTO DI RAME - CASSANDRA CLARE HOLLY BLACK


Titolo libro: Magisterium - The Copper Gauntlet/ Magisterium Il guanto di rame
Autrici: Cassandra Clare e Holly Black
Genere: Fantasy
Casa Editrice: Mondadori
Data d'uscita: 9 Settembre 2015/ in Italia il 20 Ottobre 2015

Trafiletto libro:

Callum Hunt ha tredici anni, frequenta il secondo anno del Magisterium e dovrebbe essere morto. Perché prima di essere ucciso, sua madre ha lasciato una scritta incisa nel ghiaccio: UCCIDETE IL BAMBINO.
Ma questo non è il peggiore dei suoi segreti. Callum sa di avere dentro di sé l'anima del Nemico, che si è impadronito di lui dopo il Massacro Gelido. E sospetta che suo padre voglia rubare l'Alkahest, il guanto di rame, unico oggetto magico in grado di salvare il mondo dalla malvagità assoluta.
Quando decide di partire in cerca del padre, però, scopre di non essere solo. Con lui ci sono i suoi migliori amici: Aaron, timido e generoso, che ha appena scoperto di essere il Makar e possiede la potente magia del vuoto, Tamara, intelligente e piena di risorse, e Subbuglio, il giovane lupo del caos che non lo abbandona mai. Callum sa di non avere scelta. Se necessario, dovrà sacrificarsi.
Uno di voi fallirà.
Uno di voi morirà.
E uno di voi è già morto.
Callum sapeva qual era dei tre.

Recensione:
Se dovessi dare un voto da 1 a 5, ho paura che dovrei assegnare appena una sufficienza di 2,75 a questa saga ancora in corso. Sono pochi gli elementi di originalità che inducono un lettore a rimanere profondamente colpito. Purtroppo, pare che Cassandra Clare e Holly Black tengano molto a cuore il Primo Maghetto nato dalla penna di mamma Rowling. Le rassomiglianze tra Magiusterium e Harry Potter sono sempre di più, ma chissà che ci sorprenderanno con il terzo romanzo? Elenchiamo punti positivi e negativi di questo romanzo.
Punti positivi:
- La magia del cahos è affascinante e descritta con maestria.
- Il tentativo di inserire la fiducia come chiave di una solida amicizia, un po' sbilenco, ma presente, risulta apprezzabile. Bisogna sempre considerare il fatto che Callum, prima di frequentare il Magisterium non aveva amici e Aaron e Tamara sembrano anche troppo perfetti per lui, ma a noi piace così.
- Il maghetto in questione, Callum, ha un carattere da testa calda, molto più intraprendente e ci piacciono i suoi pensieri negativi, anche se la lista di cose che un Signore del Male potrebbe fare risulta essere abbastanza buffa e infilata anche in momenti inopportuni.
- Un enorme lupo del cahos come famiglio, chi non lo vorrebbe?
- Mi ha colpito particolarmente il personaggio di Alex (l'assistente di Master Rufus), anche se non mi fiderei troppo di lui, ma che possa essere lui la clamorosa sorpresa che tutti attendono in questa saga? Lo scopriremo solo leggendo!

Punti negativi:
- Mancanza di spessore nella trama. Purtroppo si percepisce chiaramente, è quasi come se gli eventi capitassero totalmente a caso, causando spesso la domanda "allora perché non lo ha fatto prima?" o lasciando molte risposte in sospeso, che vengono chiarite quando il lettore ormai non ci sta pensando più. Alcuni tentativi di "inganno" da parte delle scrittrici ai lettori, risultano totalmente ovvi e quasi noiosi.
- L'assenza di un vero "cattivo". Questi ragazzi combattono contro un vecchio pazzo che non vuole comunque fare loro del male. A Master Joseph serve Callum per i suoi deliri di follia, ma non ha e non ha mai avuto i mezzi per portarlo via con sé. L'unica battaglia decente è quella contro l'elementale del metallo, che a parer mio si conclude anche troppo "facilmente". I lati negativi della magia del cahos? Eccoli.
- REALLY SPOILER POINT - Callum Hunt un evocatore del cahos? Oh, mamma mia! Ma non mi dire, che evento inaspettato e fuori dalla portata di mano!
- Il bacio di Celia a Callum, che non capisce, ma accetta, nonostante sia geloso che i suoi due migliori amici vadano d'accordo tra di loro (non vi si accende una lampadina potteriana in testa? La ragazzina saccente ricorda molto la nostra Hermione!)
- Il trafiletto romantico alla Romeo e Giulietta di inizio libro, con i genitori di Tamara che impediscono la relazione tra la figlia maggiore e Alex perché a loro sta antipatica la matrigna di Alex! Eh, non si fa! Come vi salta in mente figlioli?
- Aggiungerei per ultimo ma non per ultimo il rapporto tra Callum ed Alastair, il padre. Per quanto Callum sia invasato dal signore oscuro, improvvisamente Alastair decide che Callum è suo figlio e finalmente si comporta come un padre normale, cosa che a detta di Callum non era mai accaduta. Qui si sente il tocco della Clare in questo tratto di disperazione del "non avere una possibilità", ma tutto svanisce facilmente, come se mai niente fosse accaduto. In ogni caso, il padre di Callum avrebbe voluto comunque vedere se il guanto funzionava per scambiare l'anima dell'"Oscuro Signore" con quella di suo figlio (e trovarsi così con l'anima di un neonato nel corpo di un tredicenne?) La situazione rimane ambigua anche quando tentano di spiegarla e la rovesciano in maniera un po' assurda.
Per me è un dispiacere leggere un'opera così misera da parte di due scrittrici molto brave. A quanto pare, collaborare non è una cosa che fa per loro. Spero che il terzo libro mi porti a ricredere sulle mie aspettative a riguardo. Ho voluto comunque assegnare un minimo di punteggio perché confido ancora in Alex e nelle parole d'avvertimento di Master Rufus sui presunti "cattivi" che hanno inviato loro l'Autonomos (mamma che nome brutto questo coso!)
Con questo, passo e chiudo! Leggete comunque questo libro, magari a voi incanterà di più che a me! 
Intanto torno al sensuale mondo degli arcangeli, angeli e vampiri di Nalini Singh!

1 commento:

  1. Ciao, ma che bella recensione *-*
    Io ho adorato questo libro, a differenza di te e mi dispiace che non ti sia piaciuto così tanto, ma meno del primo, devo dire (nonostante la mia voglia omicida verso Tamara perché torna la stronzetta che era nel primo libro)…
    Le ambientazioni così fuori dal Magisterium mi sono piaciute, ma adoro quella scuola quindi penso avrei preferito più scene lì dentro… L’atmosfera sempre magica come solo la Clare e la Black sanno fare *-*
    Bello, bello, bello!
    Se vuoi leggere la mia delirante e semi-seria recensione clicca qui :3
    Ciao!
    Rainy

    RispondiElimina