13 ago 2015

GIOVANNA BARBIERI

Giovanna Barbieri nasce a Verona il 15/01/1974 e risiede a Verona.
Nel 2001 consegue la laurea in Scienze Politiche, indirizzo economico-internazionale.  
Appassionata di Medioevo, alto e basso, nel 2009, leggendo un testo sugli insediamenti abitativi del basso medioevo in Valpolicella, La Valpolicella: dall’alto medioevo all’età comunale di A Castagnetti, decide di scrivere un romanzo ambientato nella sua valle, la stratega anno domini 1164. In particolare la colpisce un fatto storico non molto noto, l’assedio del castello di Rivoli del 1165 a opera della Marca Veronese che si ribella a Federico I il Barbarossa e Garzapano, castellano di Rivoli.
Il secondo romanzo, Cangrande paladino dei ghibellini, uscirà a settembre 2015 con Arpeggio Libero editore.
Inoltre è l'autrice di Amor e patimento: tre racconti gratuiti a tema medievale-sentimentale.
Il suo blog: http://ilmondodigiovanna.wordpress.com/
Suoi numerosi articoli sono pubblicati in blog e siti dedicati alla storia medievale: Talento nella storia, Italia medievale, Sguardo nel Medioevo, Il Medioevo non è stata un'epoca buia!!! e Medioevo tra luce e buio.


Il primo racconto, Isabella e Filippo, è ambientato nel 1313 tra Padova e la valle Provinianensis (Valpolicella) durante i conflitti guelfi-ghibellini. Filippo, un arciere assoldato da Cangrande, diserterà e si vedrà costretto a fuggire verso la valle. Qui incontrerà Isabella, in viaggio con la vecchia ancella e alcuni armigeri.
Il secondo racconto, Elisa e Romualdo, è ambientato nel 1347 a Parona durante la grande pestilentia. La ragazza, per volere del padre, sarà costretta a sposare un vecchio commerciante di lana, ma al suo arrivo si troverà di fronte Romualdo, il secondogenito, che ha la sua età. La morte avrà la meglio?
Il terzo, il pirata barbaresco, è ambientato in un isola del Mediterraneo nel 1165. Luca, scudiero di un nobile cavaliere, il paladino Fabio Marzolo e un altro nobile francese, stanno navigando verso la Terra Santa quando vengono abbordati dai pirati barbareschi, che li catturano e li portano sulla loro isola. Cosa ne sarà di loro?


“La stratega, anno domini 1164”, seconda versione di “1164, l’assedio di Rivoli”. Romanzo storico-fantastico. Dopo un forte temporale Alice, una giovane donna del XXI secolo, si ritrova nel 1163, in un bosco della bellissima Valpolicella. Cos’è accaduto? Chi l’ha inviata nel 1163 durante la lotta degli anti-imperiali contro l’imperatore Federico il Barbarossa e perché? É stata una casualità o un disegno divino? Ferita e confusa, Alice viene soccorsa da una famiglia di contadini semi-liberi, che la conduce all’abbazia del Sacro Cuore di Arbizzano, dove viene curata dalle gentili monache e apprende l’uso delle erbe medicinali. Una volta guarita e portata nel castello di Fumane, dovrà decidere come agire: lottare per ritornare nella sua epoca oppure, per fuggire alle ingiuste accuse di stregoneria, partecipare all’assedio di Rivoli del 1165 a fianco del cavalier Lorenzo Aligari del quale s'innamora perdutamente.

Nessun commento:

Posta un commento