20 gen 2017

NEWS UTET

Ti amo di Simone Regazzoni (9 febbraio) Ti amoSpesso pensiamo di vivere nell’epoca della fine del mondo, quella in cui valori, idee e sogni collettivi sono ridotti in cenere. Quella in cui al rischio dell’incontro con l’Altro si preferisce il più semplice e immediato interesse personale. Lo stesso accade a un sentimento pericoloso e travolgente come l’amore: nonostante sia continuamente rappresentato e celebrato, oggi diventa sempre più un piacere individuale, che non cerca lo scambio, addomesticato. Riusciremo a reinventare l’amore e a salvarlo? Per farlo, è necessario restituirgli il ruolo che gli compete: un ruolo senza compromessi, filosofico ed esistenziale. Con Ti amo Simone Regazzoni costruisce un profilo del sentimento amoroso, esaminandone gioie e tristezze, slanci e limiti, ma soprattutto interrogandosi sul suo destino.




L'Europa in trenta lezioni
L’Europa in trenta lezioni di Gianfranco Pasquino (14 febbraio)
Un tempo l’Unione Europea non era che un sogno: confinati dal fascismo sull’isola di Ventotene, tra i bagliori sinistri della guerra mondiale che infuria lontano, Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi scrivono il famoso Manifesto, in cui l’unità dell’Europa è già «una impellente tragica necessità». Oggi l’Unione Europea – a sessant’anni dagli accordi di Roma che diedero vita il 25 marzo 1957 al suo nucleo iniziale, la Comunità Economica Europea – viene considerata da molti suoi cittadini un’istituzione distante e complessa, per non dire minacciosa e complicata. Eppure, per il suo ruolo centrale su tutti gli aspetti del vivere comune, l’immigrazione, l’economia, la difesa dei diritti individuali e collettivi o la tutela delle minoranze, bisogna tornare a considerarla un a risorsa di tutti e che tutti riguarda. A partire da questa consapevolezza Gianfranco Pasquino ci racconta con passo rapido e ampiezza di sguardo il passato e il presente di questo sogno difficile: trenta brevi lezioni che ricostruiscono gli equilibri di potere su cui si regge, gli organismi di cui è composta, i suoi valori-guida, le personalità che ne hanno influenzato lo sviluppo, le problematiche di ieri e di oggi.


Eccentrici in guerra di Andrea Santangelo (28 febbraio)
Siamo abituati a vedere i militari come uomini austeri, stretti nella disciplina rigorosa della loro divisa. Eppure vi furono soldati che fecero dell’eccentricità la loro uniforme e della capacità di uscire dagli schemi la loro arma migliore; uomini unici, spesso dimenticati dalla storia ufficiale, ma rimasti nelle cronache del tempo per il loro carattere e le loro abitudini. Scopriamo così la storia del colonnello Jack Churchill che provò a resistere alle bombe tedesche suonando la cornamusa, o di Lyudmila Pavlichenko, la migliore tiratrice di Russia; del generale che si sentiva un cowboy o del sergente nudista fanatico di Bibbia e revolver. Con un testo ricco di aneddoti, accurato e divertente, Santangelo ci porta sui campi di battaglia del novecento, salvando le storie uniche di questi personaggi, compagni di armi nel grande esercito degli eccentrici.

Nessun commento:

Posta un commento